Logo Thus

Architecture, Design, Art, Lifestyle,
Communication around the world

THUS

Lascia la Scia. From Sharing to Creative Contamination. EN/IT

Lascia la Scia is an Italian architectural studio comprised of five diverse but like-minded women, each with different talents


Lascia La scia è uno studio composto da cinque donne diverse ma affini ognuna con talenti differenti


The studio is composed of 5 architects who, as you often define yourselves, often hold complementary roles. What are the peculiarities that distinguish you and where did this union originate from?

The studio consists of 5 architects who, as you often define yourselves, frequently assume complementary roles. What are the peculiarities that distinguish you and where did this union originate from?

We are five different yet kindred women, each with different talents to which we have given space. What unites us are the values and the vision of leaving a positive mark with kindness. Each one takes on different roles in the project and studio management based on our respective strengths, which are therefore highlighted. There are various fields and roles in society beyond design—financial management, communication, space management, client relations—each of these facets has found a home within one of us spontaneously. Our union originated within the halls of the Polytechnic University of Milan; we were all in the same faculty. Over the years, some of us have lived and designed together, finding ourselves aligned in the desire to create: in essence, we chose each other through a sort of elective affinity. After graduation and our initial work experiences, we decided to create a project together and embark on this journey that is Leave a Trace.

We believe in “con-division” – literally “sharing with” – as an opportunity for exchange, empathy, as a chance to reduce distances from others and for participation, and this applies both when it comes to successes and problem-solving. In our daily lives, among us “Scie” (Trails) is a cornerstone.

We believe in creative contamination as a basis for growth and for the creation of something unique and new. At its core is curiosity, the desire to discover, to uncover other worlds. In a shared space like the one we have created, our coworking-lab, contamination is a natural consequence

Lo studio è composto da 5 architette che, come siete solite definirvi, ricoprono spesso ruoli complementari. Quali sono le peculiarità che vi contraddistinguono e da dove è nata quest’unione?

Siamo cinque donne diverse ma affini ognuna con talenti differenti a cui abbiamo lasciato spazio. 

Ci uniscono i valori e la visione di lasciare un segno positivo con gentilezza. Ognuna ricopre nel progetto e nella gestione dello studio ruoli diversi in base alle proprio attitudini che vengono quindi valorizzate. 

Ci sono ambiti e ruoli diversi in una società oltre alla progettazione, la gestione delle finanze, la comunicazione, la gestione dello spazio, il rapporto con i clienti, ognuna di queste sfaccettature ha trovata casa in una di noi in maniera spontanea. La nostra unione nasce tra le aule del politecnico di Milano, eravamo tutte in facoltà insieme; negli anni alcune di noi hanno vissuto e progettato insieme trovandosi allineate nella voglia di fare: di fatto ci siamo scelte tramite una sorte di affinità elettiva. Dopo la laurea e le prime esperienze lavorative abbiamo deciso di creare un progetto insieme e intraprendere questo viaggio che è Lascia la Scia.

Crediamo nella con-divisione – letteralmente “dividere con” – come opportunità di scambio, di empatia, come occasione per ridurre le distanze dagli altri e di partecipazione e questo vale sia quando si tratta di successi che nella risoluzione dei problemi. Nel quotidiano, tra noi “Scie” é un fondamento.

Crediamo nella contaminazione creativa, come base per la crescita e per la creazione di qualcosa di unico e nuovo. Alla base c’è la curiosità, la voglia di scoprire, scovare gli altri mondi. In uno spazio condiviso come quello che abbiamo creato, il nostro coworking-lab, la contaminazione è una conseguenza naturale.

   

. 


CASAGRAN SASSO
Photo Credits:Marta d’Avenia

Your projects are combinations of original pieces from other eras and a minimalism veiled by pastel tones. So Vintage and Minimal, where does this passion come from and what inspires you?

Each project stems from research, from the intersection of aesthetic taste and personal interests. We delve into research on various areas, from eco-friendly materials to new technologies, from those who research colors to those who scour vintage markets, from those who keep updated on fabrics and wallpapers to those interested in environmental psychology and individual well-being, and those passionate about Feng Shui. All these explorations become opportunities for contamination, and in some way, we draw from a common aesthetic and ethical imagery, varied in nuances but fundamentally animated by a desire to value the original elements of other eras through recovery, preservation, and adaptation, while also drawing inspiration from the Nordic world, with its clean lines and orderly, functional, and airy spaces.

Color can be defined as the common thread of this dual soul, the ingredient that unites, characterizes, and contributes to the comfort of spaces. Beyond this, Vintage and Minimalism can be a response to the current trend of excessive consumption, as both styles favor the use of second-hand elements or essential and functional furnishings characterized by simple and “timeless” lines

I vostri progetti sono accostamenti di pezzi originali di altre epoche e un minimalismo velato dai toni pastello. Quindi Vintage e Minimal, da dove nasce questa passione e cosa vi ispira?

Ogni progetto nasce dalla ricerca, dall’incontro tra gusto estetico e dagli interessi personali.

Sviluppiamo ricerca su ambiti diversi, dai materiali ecosostenibili, alle nuove tecnologie, chi fa ricerca sui colori, chi è a caccia di vintage ed è sempre alla scoperta di nuovi mercatini, chi è aggiornato su tessuti e carte da parati e chi è interessato alla psicologia ambientale e al benessere abitativo dell’individuo e chi appassionato di Feng Shuei.

Tutti questi approfondimenti diventano occasioni di contaminazione e in qualche modo attingiamo ad un immaginario estetico ed etico comune, declinato in varie sfumature e che alla base è animato da un lato dalla volontà di dare valore agli elementi originari di altre epoche attraverso il recupero, la conservazione e il riadattamento e dall’altro prende ispirazione dal mondo nordico, dalle linee pulite e dagli spazi ordinati, funzionali e ariosi. 

Il colore possiamo definirlo il trait d’union di questa doppia anima, l’ingrediente che unisce, caratterizza e contribuisce al comfort degli spazi.

Oltre questo Vintage e Minimalismo possono essere una risposta all’attuale tendenza al consumo eccessivo, poiché entrambi gli stili favoriscono l’uso di elementi seconda mano o di arredi essenziali e funzionali caratterizzati da linee semplici e “senza tempo”.

CaASA Oltrepò Pavese
Photo Credits Marta d’Avenia

Often we stop at a superficial reading of a finished project, focusing on finishes and glimpses, but within your projects (as well as materials) there is a lot of technology and study of energy efficiency. We are curious to know how a design process takes place in which, surely, the aesthetic component does not so easily trump the technique. What is the path and the evaluation that along the way you find yourself undertakingColor is a predominant aspect of your projects; can you share a story about color (e.g., a project, choices, solutions, client)?

In our projects, we strive to create personalized palettes tailored to the characteristics of the individuals who will inhabit the space. The feeling of being welcomed in an environment is the result of a combination of many elements within the project: proportions, combinations, the interplay of natural and artificial light, materials, and the materiality of surfaces.

In 2022, we were tasked with restyling an apartment in the early 1900s style in Milan. The apartment featured typical finishes of that era: gypsum cornices on the ceilings, windows with molded frames, and herringbone parquet flooring. The apartment didn’t require any functional changes in terms of layout but rather a stylistic renewal, with new finishes, colors, and custom furnishings.

The client, a dynamic and creative thirty-year-old who splits his time between Milan and Rome, is passionate about travel, culture, and works in a creative field. At home, he seeks to maintain a creative spirit while also finding a space to relax and recharge.

The project proposed a neutral tone that permeates all areas, creating uniformity, with fixed furnishings such as bookcases and wardrobes, and the characterization of each room with a predominant color scheme that blends with the vintage style of the furniture.

The entrance is enveloped in a deep blue, while the living area with an open kitchen maintains neutral tones, with a wall of the same color as the brighter blue of the sofa. We worked on defining the entrance area chromatically: it is the threshold between the external public world and our intimate private world. We chose to work with a sober and elegant color that instills confidence and security, with dark, desaturated tones.

For the bedroom, we proposed a slightly desaturated green, painting the paneling we designed and the existing window frames. The chosen green is a shade that was popular in the early 1900s, perfect for conveying calmness and tranquility, conducive to relaxation before sleep. The walls and wardrobe merge into a single color to create a soft and luminous effect.

The protagonist of the bedroom is the panoramic wallpaper “Mistral-Grisaille” by Ananbô, which boasts a refined printing texture. Ananbô wallpapers are hand-painted and then digitized, giving them a special charm. The green paneling frames the headboard of the bed, with clean and minimalist lines, neutral and warm in color with wooden details that echo the original herringbone parquet flooring.

The study overlooks the dining area, characterized by a warm, enveloping, and highly stimulating radicchio red. This is the place for remote work, where creative thinking is activated to generate new projects, both professional and personal. Red is notoriously used sparingly in interiors, as it’s super stimulating and generally associated with extreme attention. It’s a color that’s either loved or hated, with a subjective component that varies for each individual.

In this case, we embraced Andrea’s hyperactive spirit while staying within an elegant and historically evocative shade of red. Light gray upholstery, ceilings, and paneling in continuity with the living room balance the color choice. Almost all furnishings are reclaimed from vintage markets.

“Color has as many meanings as the people who look at it.” RAH Raluca Andreea Hartea

Il colore è una parte predominante dei vostri progetti, raccontateci una storia sul colore (es di un progetto, scelte, soluzioni, committente).

Nei progetti cerchiamo di creare delle palette personalizzate sulle caratteristiche delle persone che vivranno quell’ambiente. I fattori che contribuiscono al sentirsi accolti in un ambiente è frutto poi di una combinazione di tantissimi elementi che fanno parte del progetto: le proporzioni, gli abbinamenti, il gioco di luce naturale e artificiale, i materiali e matericità delle superfici.

Nel 2022 ci siamo occupare del restyling di un appartamento  in stile inizi del 900 in città studia Milano.

 All’interno dell’appartamento si ritrovano le finiture tipiche delle case in stile: cornici in gesso nei soffitti, finestre con imbotti modanati e parquet a spina di pesce. L’appartamento non necessitava di variazioni funzionali a livello distributivo ma di un rinnovamento di stile, finiture, colore e l’arredo su misura. 

Il cliente, un giovane trentenne, dinamico, creativo estroverso, eclettico, appassionato di viaggi, di cultura e che lavora tra Milano e Roma.

Una persona che in casa sente la necessità sia di mantenere vivo lo spirito creativo e dall’altro invece necessita di riuscire a rilassarsi e ricaricare le batterie.

Il progetto propone una tonalità neutra che ritorna in tutti gli ambienti creando uniformità e negli arredi fissi come librerie e armadi e la caratterizzazione poi di ogni singola stanza con un cromatismo predominante che si combina con lo stile vintage degli arredi.

L’ingresso è una scatola blu profondo, mentre nella zona giorno con cucina a vista abbiamo tenuto tonalità neutre, con una parete dello stesso colore che richiama il blu più acceso del divano.

Abbiamo lavorato sul definire cromaticamente  la zona dell’ingresso a scatola: è la soglia di passaggio tra 

Il mondo esterno pubblico al nostro mondo privato intimo.

La scelta è stata quella di lavorare su un colore sobrio ed elegante che infonde fiducia e sicurezza, dai toni profondi scuri dalla tinta desaturata.

Per la camera  abbiamo proposto un verde leggermente desaturato, con cui abbiamo scelto di dipingere la boiserie realizzata su nostro disegno e l’imbotte esistente della finestra. Il verde scelto è una tonalità che si usava molto nei primi del’900. In questo caso era perfetto, per trasmettere calma e tranquillità e conciliare il relax prima del sonno.

Le pareti e l’armadio si fondono invece in una colorazione unica per avere un effetto ovattato e luminoso.

“Il verde è un colore associato alla vita e alla crescita, largamente sentito come positivo e anche rilassante. (…) Se ben calibrato, infonde calma, aiuta a ridurre lo stress mentale e placare i ritmi accelerati del nostro cervello, oltre a favorire la concentrazione.(..) Sulle pareti trasmette freschezza, sicurezza e calma.

” ABITARE I COLORI ” Silvia Botti – Massimo Caiazzo

La protagonista della camera è la carta da parati panoramica Mistral-Grisaille di Ananbô che ha una texture di stampa molto raffinata. Le carte da parati Ananbô sono dipinte a mano e poi digitalizzate, il che conferisce loro un fascino speciale. 

La boiserie verde incornicia la testiera del letto, dalle linee puliti e minimai e di colore neutro e caldo con dettaglio in legno che riprende il parquet originale a lisca di pesce.

Sulla zona pranzo si affaccia lo studio caratterizzato da un colore rosso radicchio caldo, avvolgente  e molto stimolante

Questo è il luogo dello smart working, il poso in cui attivare il pensiero creativo per creare nuovi progetti  sia lavorativi che personali.

Il colore rosso notoriamente negli interni è un colore che si usa a piccole dosi, per accenti. 

Superstimolante, in generale è assocciato al richiamo di estrema attenzione.  Lo si ama o lo si odia. Infatti oltre a ciò che si può affermare oggettivamente sul colore rosso c’è una componente molto soggettiva di cui bisogna tenere conto e che è diversa per ognuno di noi. 

In questo caso abbiamo assecondato e accolto lo spirito iperattivo di Andrea, pur restando su una tonalità di rosso denaturare elegante e di richiamo storico.

Imbotti, soffitti e boiserie in grigio chiaro in continuità con il soggiorno calibrano la scelta cromatica.  Gli arredi sono quasi tutti recuperati in mercatini vintage.

“Il colore ha tanti significati quante le persone che lo guardano”

RAH Raluca Andreea Hartea

.  



CASA GRAN SASS=
Photo Credits Marta d’Avenia

You’re often recognized for regeneration projects, although we prefer the term REGENERATION PROJECT. How important is attention to green materials and construction methods within the project for you? Do you have any preferences in this regard?

Our projects always prioritize the recovery and enhancement of existing elements. We love anything with a story to tell; even a piece of furniture or flooring can narrate one. In renovations, it’s a challenge to find competent partners and craftsmen who don’t opt for the easy route of total demolition.

Attention to materials and an approach to reuse and adaptability have remained central not only in residential projects but also in exhibition projects. After all, we started with self-produced exhibitions using recycled and reclaimed materials. In the design of exhibitions and stands, we pay close attention to the construction system so that materials can be recovered and reused in various exhibitions. Creating a construction system that is easy to dismantle and reassemble with different stand shapes and sizes makes the project more sustainable in terms of material lifespan and costs.

At Mido 2023, the stand we designed for the Marchon brand, a leading company in the optical industry, was recognized with the Stand Up for Green award precisely for its modularity, reusability, and minimal furniture footprint, facilitating transportation.

Also in 2023, we handled the design of Spazio Domal, the showroom for the Hydro group where the latest sustainable building envelope innovations are showcased. This year, the showroom received LEED GOLD v4 ID+C certification for retail spaces.

The LEED system is the most important and widespread sustainability assessment system for buildings worldwide. In the certification process, supported by a specialized technical studio (OGB STUDIO), we paid particular attention to selecting materials free of VOCs (volatile organic compounds), highly toxic elements. In the project, we preferred natural materials and introduced green elements to establish a direct connection with nature even in enclosed spaces, invoking some principles of Biophilic design.

Spesso venite contemplate per progetti di riqualificazione, anche se preferiamo il termine all’inglese REGENERATION PROJECT. Quanto per voi è importante all’interno del progetto l’attenzione a materiali e metodi costruttivi green? Avete delle preferenze a riguardo?

I nostri progetti hanno sempre un occhio al recupero e alla valorizzazione dell’esistente. 

Amiamo tutto ciò che ha una storia da raccontare, anche un mobile e una pavimentazione possono raccontarne una. 

Nelle ristrutturazioni rappresenta poi una sfida nel trovare partner e maestranze competenti che non vogliano prendere la strada più facile della demolizione del tutto.

L’attenzione ai materiali e approccio al riutilizzo e all’adattabilità, è rimasto declinato non solo nei progetti residenziali, ma anche nel ambito dei progetti di allestimenti; dopotutto, siamo nate con allestimenti auto-prodotti con materiali di riciclo e recupero. 

Nella progettazione di allestimenti e stand, dove poniamo molta attenzione al sistema costruttivo in modo che i materiali possano essere recuperati e riutilizzati in diverse esposizioni.

Creare un sistema costruttivo facile da smontare e rimontare con forme e dimensioni diverse dello stand rende il progetto più sostenibili in termini di vita dei materiale e costi.

Al Mido 2023 lo stand progettato per il marchio Marchon, azienda leader nel mondo dell’ottica,  ha ricevuto il riconoscimento come Stand Up for Green  proprio per la modularità, la possibilità di riutilizzo, il minimo ingombro degli arredi che ne facilita il trasporto.”

Sempre nel 2023 ci siamo occupate della progettazione di Spazio Domal, showroom del gruppo Hydro in cui scoprire l novità relative all’involucro edilizio sostenibile. 

Quest’ anno lo show-room ha ricevuto la certificazione LEED GOLD v4 ID+C relativa agli spazi di retail.

Il sistema LEED è il più importante e diffuso sistema di valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici al mondo. 

Nel percorso per l’ottenimento della certificazione, sopportato da uno studio tecnico specializzato (OGB STUDIO)  in particolare abbiamo posto molta cura e attenzione alla scelta dei materiali privi di VOC (composti organici volatili), elementi altamente tossici.

Nel progetto, infatti, si è preferito selezionare materiali naturali e introdurre elementi green 

per ristabilire un contatto diretto con la natura anche negli spazi chiusi, richiamando alcuni principi del Biophilic design.


CASA OLTREPO’ PAVESE
Credits; Marta d’Avenia

Officine Abitare

@lascia_la_scia_architecture

View projects

Rural House Recovered. Between History, Nature and Authentic Design

Help me, Help you!

Increase your visibility.

Register your project with us, we’ll do the rest.

Join Thus. Become a Thuser!